Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘diritti umani’ Category

io ho una personalissima opinione sulle origini del Covid19. Niente di scientifico,niente da laboratorio,niente di umano.

E solo una decisa ribellione di Madre Natura ,che si è rotta i coglioni di come l uomo sta usurpando e distruggendo il Pianeta

Un po’ come la modalità Safe Mode di Windows.

L effetto è sorto gli occhi di tutti: l inquinamento è drammaticamente calato e gli animali riprendono libero possesso del loro mondo.

Speriamo che ci entra in zucca una volte per tutte

Read Full Post »

Read Full Post »

una raccolta di opere di un artista imprendibile.

img_3188img_3189ìimg_3187img_3186img_3184img_3183img_3182img_3181img_3179img_3178img_3191

img_3192

graffiti written in front of security camera, London, UK

img_3194img_3195img_3197img_3199img_3201img_3200img_3198img_3175

img_3202img_3203img_3204

img_3205img_3206

IMG_3207.JPG

img_3180A Banksy trompe-l'oeil painting on a security fence in the West Bank.

 

 

per concludere non vi perdete il magnifico video Sirens of the lambs

Read Full Post »

img_2294

Pepe Mujica -Uruguay
NON SPRECATE la vita nel consumismo, trovate il tempo di vivere per essere felici”,

ha detto José ‘Pepe’ Mujica agli studenti che lo hanno incontrato l’altro ieri a Roma. Ottantuno anni, presidente dell’Uruguay dal 2010 al 2015, Mujica è in Italia per una serie di conferenze e per promuovere il libro di Andrés Danza e Ernesto Tulbovitz Una pecora nera al potere. ‘Pepe’ è diventato famoso in tutto il mondo perché da presidente rinunciò al 90% del suo stipendio e preferì continuare a risiedere nella piccola fattoria dove coltiva fiori piuttosto che nel palazzo presidenziale.

Presidente, cosa si aspetta dal voto americano, teme anche lei una vittoria di Trump?

“Sono molto preoccupato da un’eventuale vittoria di Donald Trump perché il peso degli Stati Uniti nel mondo è tale che i disastri combinati da un presidente americano si possono ripercuotere su tutti noi. Però penso anche che il presidente negli Stati Uniti, per fortuna e per disgrazia, ha in fondo poteri abbastanza limitati”.

Mujica; “Guerra di oggi è intellettuale. Lotta per la pace è il vero progresso

“Sì, e l’abbiamo visto con l’apertura di una indagine dell’Fbi sulla Clinton a pochi giorni dal voto. I contrappesi istituzionali sono un bene per la democrazia, anche se in questo caso negli Stati Uniti in realtà si tratta di organismi, come la Cia o l’Fbi, che nessuno ha eletto. E che si comportano come istituzioni onnipotenti

Lei è diventato un ideale politico nel mondo perché ha vissuto e vive come la parte più povera dei suoi concittadini e non come quella più ricca. Pensa di essere una contraddizione nella politica di oggi?
“Sicuramente sono stato una una contraddizione anche nel mio Paese. Però la mia è soprattutto una filosofia di vita. Il problema è che viviamo in un mondo nel quale si crede che colui che trionfa debba possedere tanto denaro, avere privilegi, una casa grande, maggiordomi, tanti servitori, vacanze extralusso. Mentre io penso che questo modello vincente sia solo un modo idiota di complicarsi la vita. Penso che chi passa la sua vita a accumulare ricchezza sia malato come un tossicodipende, andrebbe curato”.

Diventare sempre più ricchi è una malattia?

“Ho conosciuto dei multimilionari, anche molto anziani. E a molti ho chiesto per quale ragione continuassero a accumulare denaro se tanto poi alla fine avrebbero dovuto lasciarlo qua. La risposta è sempre stata che non potevano farne a meno, come una malattia”.

Ha avuto un contraccolpo personale, una forma di depressione, quando ha lasciato il potere. Le è mai successo di pensare: “Peccato, non sono più presidente”?

“Ma no, no. Piuttosto la verità è che alla fine può essere anche un’esperienza deludente. Riesci a ottenere meno di un terzo di tutte le cose che ti eri riproposto di fare. E è molto maggiore il numero dei sogni che finiscono in polvere rispetto a quelli che sei riuscito a realizzare facendo il presidente. Sono anche convinto che la politica non debba essere una professione. È un servizio, una passione. Chi vuole arricchirsi che si dedichi al commercio, alla banca, ma non alla politica. E per una società sana è necessario anche che si ruoti molto di più nelle responsabilità, soprattutto in quelle che implicano la rappresentazione degli interessi di tutti”.

Nel corso del suo mandato sono state approvate tre leggi rivoluzionarie anche in America Latina: aborto, matrimoni gay e legalizzazione delle droghe leggere. Cos’altro avrebbe voluto fare e non ha potuto?

“Nel mio Paese c’è ancora una percentuale di indigenti. Minima, ma c’è. E coloro che vivono al di sotto della linea di povertà sono il 9-10% della popolazione. Non è accettabile in Uruguay, un Paese che produce alimenti per un numero di persone pari a dieci volte i suoi abitanti”.

Ha detto di essere contrario all’assegnazione di un premio Nobel per la Pace?
“I Nobel vanno assegnati agli scienziati, ai medici. In un mondo come il nostro, dove ci sono guerre da tutte le parti, assegnare il Nobel per la Pace è una presa in giro. Una burla. Noi usciremo dalla preistoria dell’umanità soltanto quando non ci saranno più armi ed eserciti”.

Si oppone alla globalizzazione?

“No, non è possibile. Sarebbe come essere contrari al fatto che agli uomini cresce la barba. Ma quella che abbiamo conosciuto finora è soltanto la globalizzazione dei mercati. Che ha come conseguenza la concentrazione di ricchezze sempre maggiori in pochissime mani. E questo è molto pericoloso. Genera una crisi di rappresentatività nelle nostre democrazie perché aumenta il numero degli esclusi. Se vivessimo in maniera saggia, i sette miliardi di persone nel mondo potrebbero avere tutto ciò di cui hanno bisogno. Il problema è che continuiamo a pensare come individui, o al massimo come Stati, e non come specie umana”.

Lei è ateo ma condivide molte idee con Papa Francesco, soprattutto la critica della società consumistica e del capitalismo selvaggio.

“La mia idea di felicità è soprattutto anticonsumistica. Hanno voluto convincerci che le cose non durano e ci spingono a cambiare ogni cosa il prima possibile. Sembra che siamo nati solo per consumare e, se non possiamo più farlo, soffriamo la povertà. Ma nella vita è più importante il tempo che possiamo dedicare a ciò che ci piace, ai nostri affetti e alla nostra libertà. E non quello in cui siamo costretti a guadagnare sempre di più per consumare sempre di più. Non faccio nessuna apologia della povertà, ma soltanto della sobrietà”.

img_2295

se volete approfondire il personaggio e ascoltare il suo bellissimo intervento al G20 di anni fa ,cliccate il mio post qui

Read Full Post »

 

image

Un video inspiegabile ed imbarazzante.Non è solo un problema e vergogna del Messico,é un problema ed una vergogna mondiale,di ogni cittá o quasi.

La cosa orribile di questo video e di tutti le situazioni simili che sicuramente avrete visto almeno una volta, è quella dell’indifferenza assoluta. Una meschina complicitá a passare di corsa,quasi con ribrezzo, la presenza di persone sfortunate.

Che poi proprio sfortunate non lo sono.

Loro hanno grandi doni:La tenacia, l amore per la vita,il sorriso.Tutte cose quasi scomparse dal genere umanoide high tech rampante e arrivista.

Fermatevi,cialtroni, aiutate. Non sapete nemmeno quale ricompensa potreste ricevere.Non é di certo pecunia , alla quale ,forse,siete legati per ogni cosa  che fate per gli altri , volgare merce  di scambio.

Fermatevi ed annegate la vostra anima nel sorriso di quella persona,nei suoi occhi scintillanti ,quasi madidi ,dentro il Suo grazie sincero ed emotivo.Fermatevi e fermate la vostra frenesia, non sono Loro che hanno bisogno di voi,ma siete voi che avete bisogno di Loro.

Per capire quale fortuna avete,ometti integri e baldanzosi che correte in modo strafottente su quelle scale.

Per capire che ci sono valori assoluti e non solo materiali,cose che ti lasciano ricordi splendidi nel tempo e non rimorsi.

 

Dategli un bacio,la prossima volta.

 

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: