Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘uccelli’ Category

 

Read Full Post »

Come ogni capodanno formulo gli auguri a chi mi conosce ,a chi non ancora,a chi mi legge o ,semplicemente a chi vuole ascoltarli.Quest’anno ho approfittato di un bellissimo e semplice pezzo di un autore russo scomparso nel 1980:Vladimir Vysotskij

Si tratta de, Il Canto della Terra ,ed e’ interpretato dalla moglie Marina Vladi in lingua originale. Per i piu’ attenti ,questa canzone e’ stata portata e tradotta tempo fa da Eugenio Finardi,memorabile anche un duetto italiano_russo live . Il testo e’ splendido nella sua semplicita’ lessicale, cosi’ deve essere, come semplice e’ il concetto di Terra e di tutte le sue creature. Ho montato una clip con alcune mie foto scelte senza criteri particolari e aggiunto i testi  , spero vi piaccia ,come piace a me

2016 deve essere una inversione di tendenza .

Globalmente bisogna boicottare tutte le multinazionali e i governi coinvolti nella sistematica distruzione del mondo per ricavare profitto.Cominciate con piccole cose, lasciate sugli scaffali i loro prodotti, evitate di andare in paesi  spregiudicati con l ambiente,spegnete quando passa una loro apparizione nei media, etc .etc. insomma, cerchiamo di creare una miriade di piccole gocce che si possano coalizzare in una tempesta.

Non regalate piu’ un minuto  a questa gente e riprendetevi il vostro tempo,e’ solo vostro e nessuno puo’ deciderne il valore.Personalmente,la mia inversione di tendenza mi riportera’o, meglio ,ricollochera’  indietro negli anni, chi viene dalla Terra sa cosa voglio dire.

Prima o poi,ma sara’!

“Povero è colui che ha bisogno di tanto”(Seneca)

 

 

Read Full Post »

Un augurio specialissimo per tutti voi amanti della natura e dei suoi abitanti.Un video racconto di un incontro con una strana comunita’:Aironi Cenerini e Cormorani.Bellissimi e maestosi volatili,solo e ripeto SOLO, da ammirare e un po’da invidiare mentre si librano liberi in questi cieli invernali.Grazie per leggermi ogni tanto e tantissimi auguri ancora di salute,serenita’ e amicizia,quella vera ed unicamente rara.

Read Full Post »

Nel nostro BelPaese 700.000 cacciatori pesano piu’ della popolazione intera. Possono fare e disfare quello che vogliono.Influenzare politici a destra e manca per farsi legiferare qualsiasi deroga in materia,anche contro direttive Comunitarie. Possono sparare a specie protette cavandosela con una pacchetta sulle spalle e dai non farlo piu’ perche’ mi serve il tuo voto. Si spara persino ad orsi ed emeriti sindaci si alzano in cattedra a gridare :”Uccidete i Lupi” senza che nessun ministro dell Ambiente (ma esiste?) si metta in prima fila e contro queste personcine . Si condona,magari una multina, quando il minimo sarebbe il ritiro immediato del porto d’armi .

Raro esewmplare di Gheppio ucciso a Padenghe

Raro esewmplare di Gheppio ucciso a Padenghe

orso Stefano attirato con un esca ed ucciso a fucilate

orso Stefano attirato con un esca ed ucciso a fucilate

uccelli protetti attirati con richiami vietati ed uccisi

uccelli protetti attirati con richiami vietati ed uccisi

lupo ucciso,decapitato ed appeso in pubblico,come i nazisti

lupo ucciso,decapitato ed appeso in pubblico,come i nazisti

Malta e’ vicina ma lontana anni luce da noi. Loro, i ministeri dell ambiente maltesi,hanne reagito a questa arroganza minoritaria

“CACCIATORI SENZA SCRUPOLI”: MALTA CHIUDE STAGIONE, SCONTRI IN PIAZZA

Giovedì, 25 Settembre 2014

LA DECISIONE DOPO UNA STRAGE DI CICOGNE IN SOSTA

Brutta sorpresa per i cacciatori maltesi. E non sono pochi: su 400 mila abitanti 30 mila praticano l’attività venatoria (a cui si aggiungono migliaia di turisti della doppietta). Su un’area complessiva di 315 chilometri quadrati, addirittura 180 sono quelli in cui è legale sparare. Ma non è più così: il governo maltese ha chiuso la stagione venatoria con effetto immediato e fino al 10 ottobre, quando la migrazione degli uccelli sarà finita. “Perché una cosa è la caccia, altro il bracconaggio”, ha detto il portavoce del primo ministro. Lo scrive “La Stampa”.
Salve, almeno per ora, diverse specie: falchi, cicogne, rondoni, rigogoli, ghiandaie marine e fenicotteri, allodole, tortore, pavoncelle, pivieri dorati, combattenti, tordi. Non solo specie protette, ma anche uccelli migratori e rapaci.
La decisione storica è stata presa dopo l’ennesima prova del continuo abbattimento illegale di specie protette di uccelli. Intanto, le associazioni ambientaliste hanno esultato per il risultato e “la sensibilità dimostrata dal governo”. Mentre due appassionati di birdwatching sono stati assaliti dai cacciatori, uno colpito al volto, l’altro preso a sassate. E ancora: le pagine Facebook delle associazioni animaliste sono state inondate da minacce, così come la posta e i telefoni dei ministri. Poi a La Valletta la manifestazione degli appassionati della carabina è finita con pesanti scontri con la polizia e dieci arresti. Per reati a vario titolo: istigazione alla violenza, minacce, manifestazione non autorizzata, uso delle armi (anche se finte) in pubblico, resistenza e oltraggio.
In ogni caso, il governo della piccola isola mediterranea non è intenzionato alle pressioni della “lobby” dei cacciatori: “Le proteste di questi giorni  ha commentato il portavoce del primo ministro Joseph Muscat – apriranno la strada a regole ancora più severe. La sospensione della stagione di caccia autunnale dovrebbe servire come monito per il futuro”.
Il provvedimento è stato adottato dalle autorità dopo l’ennesima strage di cicogne durante il recente flusso migratorio: nei giorni scorsi erano scomparsi dallo stormo di passaggio sull’isola numerosi esemplari identificati come i protagonisti di un progetto di studio attuato nei pressi di Udine, e non solo loro. “Ma l’uccisione delle cicogne – fa sapere l’associazione animalista Birdlife Malta – rappresenta solo la punta di un iceberg. La caccia illegale resta diffusissima, ma questo è senz’altro un buon inizio”.

Da Noi NO. Si autorizza persino la caccia in deroga alla direttive Comunitarie,alias, sparate a tutto cio’ che vola.

guardate questo video ,se non e’ pazzia criminale questa

Read Full Post »

Purtroppo hanno approvato.La maggioranza ha detto si,come il notaio di Rischiatutto.Persone che pensano di governare nel giusto,non hanno minimamente la dimensione di cosa sia giusto o sia sbagliato. Condannare volatili sotto tortura a richiamare altri simili per essere impallinati da cerberi che attendono nascosti con un maledetto fucile, e’ GIUSTO????

Oppure e’ piu’giusto essere ricompensati con una valigia di voti per questo???

Gentaglia,accozzaglia di persone senza anima ne pace,avvinghiate alla ambizione personale ed al menefreghismo..altro che governo del popolo.governo del cazzo!

Immagina di essere catturato, imprigionato, torturato, reso schiavo per il resto della vita e costretto ad attirare involontariamente i tuoi simili, perché siano uccisi. È quello che accade ogni anno a migliaia di piccoli uccelli migratori trasformati in richiami vivi.

L’utilizzo degli uccelli come richiami è una pratica particolarmente crudele legata alla caccia. Colpisce ogni anno migliaia di piccoli uccelli migratori come allodole, cesene, merli, tordi, colombacci e pavoncelle. La Lipu dice basta con una grande petizione.

Oggi detenere gli uccelli come richiami vivi è permesso. Aiutaci ad abolire questa pratica cruenta.

Gli uccelli utilizzati come richiami vivi sono catturati, rinchiusi in piccole gabbie e sottoposti per tutta la vita a una detenzione durissima. Questo segna la fine della loro libertà e l’inizio di un’esistenza di sofferenze. Sono tenuti forzatamente al buio in modo che perdano la percezione del tempo e cantino fuori stagione. Il loro canto splendido diventa strumento di morte. Vengono infatti utilizzati dai cacciatori, in autunno e in inverno, come esche sonore per attirare altri uccelli selvatici, da abbattere a fucilate.

La Lipu vuole fermare questo ciclo crudele e per questo ha creato la campagna “No ai richiami vivi” e una grande petizione a suo sostegno. Abbiamo chiesto la partecipazione attiva di testimonial e mezzi di comunicazione per informare e sensibilizzare il maggior numero di persone a questo grave problema di maltrattamento degli animali.

L’obiettivo è quello di presentare, all’inizio del 2014, un progetto di legge che preveda il divieto assoluto di utilizzare uccelli selvatici (catturati o allevati) come richiamo. Diciamo stop ai richiami vivi. Facciamo in modo che il canto degli uccelli torni ad essere suono di pace, musica di libertà.

 

firma la petizione LIPU

Read Full Post »

postazione di caccia galleggiante sul lago di Iseo

postazione di caccia galleggiante sul lago di Iseo

Cosa diavolo si devono inventare pur di sterminare intere colonie di volatili.

Sul lago di Iseo sono installate batterie galleggianti calibro 12 ,puntate verso la riserva naturale Torbiere del Sebino. Neanche la miglior antiaerea costiera vanta una simile potenza di fuoco.Come potete notare dalla mappa seguente,

capanni caccia galleggianti sul lago di Iseo:uno sbarramento micidiale di fuoco

capanni caccia galleggianti sul lago di Iseo:uno sbarramento micidiale di fuoco

le batterie sono sistematicamente posizionate a distanze contigue in modo da rendere impossibile la fuga di qualsiasi innocente volatile che si trovi nei paraggi.Non ce ne era a sufficienza delle normali stragi della caccia in deroga,del bracconaggio,adesso ci tocca vedere questo scempio autorizzato.

Postazioni poste dirimpetto ad una riserva faunistica,come se mettessimo mitragliatrici davanti alla Croce Rossa.Complimenti ai soliti politicanti in caccia di voti,che il sangue versato ricada sulle vostre teste di cazzo.

Le associazioni ecologiste Lega per l’Abolizione della Caccia – Brescia e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus hanno inoltrato (12 dicembre 2012) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti riguardo il posizionamento, per il periodo della stagione venatoria, di ben 14 capanni di caccia posti suzattere galleggianti ancorate al fondale nel Lago d’Iseo, a breve distanza dalla riva prospiciente i Comuni di Iseo (BS), Paratico (BS), Costa Volpino (BG).

Sono stati interessati la Commissione europea, il Ministero dell’ambiente, la Regione Lombardia, il Consorzio per la gestione associata dei Laghi d’Iseo, Endine e Moro, iCarabinieri del N.O.E. di Brescia, l’Ente per la gestione della Riserva naturale regionale “Torbiere del Sebino” e, per gli aspetti di competenza, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia.

Le cannoniere calibro 12 sono state incredibilmente autorizzate con concessione demaniale 80/22 del 4 settembre 2012 dal Consorzio per la gestione associata dei Laghi d’Iseo, Endine e Moro e formano un vero e proprio sbarramento di fuoco a poca distanza dallaRiserva naturale orientata regionale “Torbiere del Sebino” (istituita con deliberazione Consiglio regionale n. 1846 del 19 dicembre 1984 ai sensi della legge regionale Lombardia n. 86/1983).

L’area è una zona umida d’importanza internazionale (convenzione internazionale di Ramsar (2 febbraio 1971), esecutiva con D.P.R. n. 448/1976, individuata nel 1984) ed è classificata con denominazione “Torbiere del Sebino”(codice IT2070020) sito di importanza comunitaria (S.I.C.) zona di protezione speciale (Z.P.S.) ai sensi delle direttive n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli Habitat naturali e semi-naturali, la fauna, la flora e n. 2009/147/CE sulla salvaguardia dell’avifauna selvatica.

l’attività di caccia a immediato ridosso delS.I.C./Z.P.S. avrebbe dovuto esser preceduta da positivo esito della procedura di valutazione di incidenza ambientale (artt. 6 della direttiva n. 92/43/CEE, 5, comma 2°, del D.P.R. n. 357/1997 e s.m.i.), come anche autorevolmente confermato dall’I.S.P.R.A. (nota n. 44673 del 23 novembre 2012).

Una situazione al limite del surreale, distruttiva dell’ambiente e dell’avifauna selvatica, riguardo la quale le associazioni ecologiste Lega per l’Abolizione della Caccia – Brescia eGruppo d’Intervento Giuridico onlus auspicano rapidi interventi da parte delle amministrazioni pubbliche e della magistratura competenti.

Lega per l’Abolizione della Caccia – Brescia e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Read Full Post »

birds

gli uccelli sono affascinanti.

chi non e’ rimasto ammaliato da queste leggiadre creature.

leonardo, il grande leonardo, dedico’ loro attimi,ore,anni, per cercare di carpire il loro segreto di padroni dell aria.non c’e’ riuscito e nessuno ci riuscira’ e forse e’ meglio cosi’,noi non apparteniamo al loro mondo,possiamo solo osservarli e bearci nelle loro splendide evoluzioni.

abbattere un uccello in volo e’ una mostruosita’ immensa,il solo pensiero mi fa rabbrividire e sviscerare una rabbia naturale che mi spaventa un po’.

 

 

 

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: