Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2013

PERO’ STI TEDESCHI

ponte

 

Una lodevole e molto gradita iniziativa in Germania.

Sono stati raccolti fondi per costruzione di ponti ad uso ESCLUSIVO degli animali, grazie all’impegno di Gherard Klesen ,addetto della Forestale.

Serviranno a far superare le barriere artificiali create dall’uomo, strade,autostrade,canali,ferrovie, che limitano i naturali movimenti degli animali causando morte e malattie.

Nessun umano potrà usarli pena una sanzione di 35 euro e in Germania la Forestale è molto pignola, parlo anche per esperienze personali .

Uno è già attivo vicino a Schermbeck nella Ruhr e altri ne seguiranno.

Pare ci voglia un anno per l’ambientamento della fauna a questa novità.

Non c’è che dire : CHAPEAU

Da noi si stirano pure i pedoni per mancanza di ponti pedonali e ciclabili,figuriamo se si riesce solo a pensare ad un progetto del genere,

Meglio ficcarseli in tasca i finanziamenti per le opere di pubblica utilità

Vielen Danken Germania

 

Read Full Post »

mask

Le anticipazioni sul quinto rapporto dell’IPCC che sarà reso noto il 27 settembre. Il testo, 2.200 pagine frutto di 6 anni di lavoro di oltre 200 cattedratici coadiuvati da 1500 esperti, è ora al vaglio dei governi ma i numeri sono ormai definiti. Gli scenari previsti per la fine del secolo sono quattro. Nel più drammatico i mari saliranno di 62 centimetri e la temperatura crescerà di 3,7 gradi rispetto al periodo 1986 – 2005: dunque sfonderà il muro dei 4 gradi rispetto all’epoca preindustriale

Questo report ,molto drammatico, non fa che conferemare l’uso ed abuso del pianeta e soprattutto che fino ad oggi,i grassi&grossi padroni del mondo, non hanno ANCORA FATTO UN CAZZO.

Nonostante ciò , hanno deciso di fare i loro porci comodi fino al 2020,quando ,dicono loro, firmeranno un accordo globale per la riduzione di emissioni e quant’altro.

NEL 2020!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

7 anni di agonia,7 anni buttati via, 7 anni irrecuperabili.l

Ma non lo capite che bisogna iniziare subito, la situazione è drammatica e VOI ,maledetti esseri, state attanagliati al vostro business,alle vostre guerre ,al vostro OGM,alla distruzione di vegetazioni tropicali per coltivare olio di palma,all’inquinamento idrico,alla cementificazione selvaggia,alla dispersione di rifiuti, alla distruzione del regno animale e vegetale,al vostro Dio petrolio che soffoca in dollari sonanti tutte le ricerche energetiche, al finto benessere ,alla esasperazione del consumismo usa e getta e alle miriadi di altre cose futili ed inutili.

andamento emissioni

co2

disgregazione calotte artiche

ice

PISCERANNO SULLE VOSTRE TOMBE.

 

 

 

 

 

Read Full Post »

romania

Non voglio parlare del popolo romeno e della propria cultura e rispetto, forse qualche persona con sentimenti esiste anche nel paese di Dracula.

Voglio sottolineare il fatto che tanta brutalità, alcune foto non le metto proprio per ribrezzo, sancita persino(!!!!) da un decreto parlamentare, E’ ASSOLUTAMENTE SEGNO DI FEROCIA INTERIORE .

La legge, conosciuta come ammazza-randagi,  entrata in vigore il 10 settembre 2013, dopo il consenso da parte della Camera dei deputati. Con questa normativa ogni sindaco avrebbe potuto disporre dei cani di strada a piacere, favorendo così una mattanza indiscriminata.

I cani vengono catturati e soppressi entro 30 giorni, in alcuni casi entro solo tre giorni se considerati malati o aggressivi nei confronti delle persone. I quadrupedi non reclamati o adottati entro 14 giorni, vengono inseriti nell’iter per la soppressione definitiva. Al contempo nessuna gestione cittadina prende in considerazione soluzioni alternative, come la sterilizzazione e la possibilità di prendere un cane in affidamento per poi adottarlo. Le procedure per favorire la salvezza dei randagi sono molto lente e articolate: per poter adottare un cane è indispensabile dimostrare di possedere una sicurezza economica necessaria per mantenerlo. Non solo, è necessario disporre di uno spazio adeguato e, in alcuni casi, serve anche la firma dei vicini di casa.

Sono in corso delle vere e proprie esecuzioni nelle strade.

Le SS tedesche erano dei pivellini dell’asilo a confronto.

Sia randagio o uscito un attimo dal proprio giardino,non importa, si bastona,si spara,si impicca.

Far assistere  dei bambini a questo scempio è segno di DOPPIA FEROCIA INTERIORE. Li vogloiono crescere a loro immagine e somiglianza

E RIDONO PURE CAZZO!!!!!!

A Bruxelles sono interessati al PIL allo SPREAD romeno per non essere travolti dai debiti, che a queste “COSUCCE” da poco

VERGOGNA E’ UNA PAROLA TROPPO GENTILE

Qui ci vuole un boicottaggio totale.

Rimanete nei vostri Carpazi, non abbiamo niente da spartire con gente così

Read Full Post »

POISON ON AIR

POISON ON AIR

Cosa sono?

Cosa producono veramente?

Che danni arrecano?

Alternative?

un ottimo report di Greenpeace

 

Che cosa sono

Gli inceneritori o termodistruttori sono impianti di smaltimento di rifiuti che bruciandoli ne riducono il peso ed il volume.

Che cosa producono

Circa 1/3 in peso dei rifiuti in entrata si ritrova a fine ciclo in forma di ceneri, ma come la fisica insegna “niente si crea né si distrugge, ma tutto si trasforma”, così la parte della materia che non si ritrova in uscita viene emessa nel corso del processo.


Che tipo di inquinanti producono

La formazione delle sostanze inquinanti, emesse in forma solida e gassosa da un inceneritore, dipende da diversi fattori quali: la tipologia del rifiuto trattato (composizione chimica), le condizioni di combustione e quelle operative dei sistemi di abbattimento degli inquinanti.

Le sostanze chimiche emesse dal camino di un inceneritore comprendono: composti organici del cloro (diossine, furani, PCB – policlorobifenili), IPA (idrocarburi policiclici aromatici), VOC (composti organici volatili), elementi in traccia (piombo, cadmio e mercurio), acido cloridrico, ossidi di azoto, ossidi di zolfo ed ossidi di carbonio. Molti di questi composti si disperdono in atmosfera insieme alle polveri, alle ceneri di fondo (che si depositano alla base della caldaia durante il processo di combustione) e alle ceneri volanti (perché non trattenute dai sistemi di filtraggio aereo).


Le caratteristiche degli inquinanti

Molti composti emessi da un termodistruttore sono persistenti, cioè resistenti ai processi naturali di degradazione, bioaccumulabili, perché si accumulano nei tessuti degli animali viventi trasferendosi da un organismo all’altro lungo la catena alimentare (fino a giungere all’uomo) e tossici, in quanto sono sostanze che per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea possono comportare patologie acute o croniche fino a poter determinare la morte dell’organismo esposto.


Perché Greenpeace è contraria agli inceneritori

Siamo contrari all’impiego di questi impianti come soluzione allo smaltimento dei rifiuti perché:


§ Pongono un rischio sanitario – Molti degli inquinanti emessi come le diossine e i furani sono composti cancerogeni e altamente tossici. L’esposizione al cadmio può provocare patologie polmonari ed indurre tumori. Il mercurio, sotto forma di vapore, è dannoso al sistema nervoso centrale ed i suoi composti inorganici agiscono anche a basse concentrazioni.


§ Pongono un rischio ambientale – Le sostanze contaminanti emesse da un inceneritore per via diretta o indiretta inquinano l’aria, il suolo e le falde acquifere. Nonostante i moderni sistemi di abbattimento degli inquinanti riescano a limitare le dispersioni atmosferiche, la natura della maggior parte degli inquinanti emessi è tale da porre problemi anche a bassa concentrazione. Inoltre la loro caratteristica di resistenza alla degradazione naturale ne determina un progressivo accumulo nell’ambiente.


§ Non eliminano il problema delle discariche – Nonostante la diminuzione di volume dei rifiuti prodotti, il destino delle ceneri e di altri rifiuti tossici prodotti da un inceneritore è comunque lo smaltimento in discarica per rifiuti speciali, più costose e pericolose.


§ Non servono a risolvere le emergenze – La costruzione di un impianto di incenerimento richiede diversi anni di lavoro (almeno 4-6 anni) e pertanto non può essere considerato una soluzione all’emergenza per i rifiuti.


§ Richiedono ingenti investimenti economici – Sono impianti altamente costosi (almeno 60 milioni di euro) e a bassa efficienza che necessitano di un apporto di rifiuti giornaliero e continuo, in netta opposizione ad ogni intervento di prevenzione della loro produzione e pericolosità, principi che sono alla base della gestione dei rifiuti dell’Unione europea.


§ Disincentivano la raccolta differenziata – Questo sistema di raccolta in Italia si aggira intorno al 13 %, una percentuale irrisoria la cui crescita sarà fortemente penalizzata se la gestione dei rifiuti prenderà la via della combustione.


§ Non creano occupazione – La costruzione e l’esercizio di un impianto determina un livello occupazionale inferiore al personale impiegato nelle industrie del riciclaggio dei materiali pubbliche e private che potrebbe offrire dai 200.000 ai 400.000 posti di lavoro nell’Unione europea.


§ Non garantiscono un alto recupero energetico – Il risparmio di energia che si ottiene dal riciclare più volte un materiale o un bene di consumo è molto superiore all’energia prodotta dalla combustione dei rifiuti. La plastica, che rappresenta circa l’11% in peso dei rifiuti urbani, è l’unica frazione merceologica la cui combustione è più vantaggiosa del riciclaggio: ciò è dovuto al suo elevato potere calorifico (ottimo per il processo di incenerimento) e allo scarso valore commerciale della plastica riciclata (un materiale plastico riciclato, infatti, può essere utilizzato una sola volta ed esclusivamente in applicazioni minori, come l’arredo urbano, fibre tessili e materiali per l’edilizia).

La soluzione sostenibile

Greenpeace ritiene necessaria una politica di gestione che persegua obiettivi progressivi di prevenzione della produzione dei rifiuti, raccolta differenziata, riciclo e riutilizzo. Non è un caso che la Comunità Europea preveda una linea di intervento sulla gestione dei rifiuti che in ordine di priorità si riassume in:

– prevenzione
– riutilizzo
– riciclo
– recupero

I rifiuti sono una risorsa potenziale che deve essere riportata nel sistema economico. Riciclare e compostare i rifiuti è un approccio più sostenibile rispetto a quello dello smaltimento, può ridurre i costi di gestione e creare posti di lavoro. I programmi di riciclaggio andati a buon fine in città del Canada, dell’Australia e del Belgio hanno portato a riduzioni dei rifiuti urbani fino al 70%.

Fino a quando l’incenerimento sarà considerato come una soluzione alla crisi dei rifiuti, l’industria non sarà spinta verso la progettazione e la produzione di beni di consumo che non contengano sostanze chimiche tossiche. I rifiuti potrebbero essere riutilizzati, riciclati e compostati in condizioni di sicurezza garantendo in tal modo una soluzione sostenibile ad un problema globale, in linea con una visione progressiva di una società che produca Zero Rifiuti.

 

 

 

 

Read Full Post »

Defending Our Oceans Tour - Hawaii Trash (Hawaii: 2006)

Il nostro bel mare solcato da civiltà e popoli inimmaginabili da altrui, sta diventando una discarica a cielo aperto.Grazie infinite alle “civiltà” moderne

Un recente monitoraggio di Goletta Verde di Legambiente e dall’Accademia del Leviatano su  oltre 3.000 chilometri di tratte marine. Presi in considerazione i rifiuti galleggianti più grandi di 25 centimetri. Il record spetta al Tirreno centro-meridionale con 13,3 detriti ogni chilometro quadrato, contro i 5,1 del Tirreno centro-settentrionale, i 2,1 della tratta Livorno-Bastia e i 2,4 della tratta Fiumicino-Ponza

Non siamo a livelli dei di Oceanic garbage patch,o come altrimenti chiamato Pacific Trash Vortex, ma se proseguiamo in questa direzione e, nessuno si prende la briga di intervenire sia a livello educativo che legale , rischiamo di compromettere un patrimonio naturale ,definitivamente.

Ma cos è il Pacific Trash Vortex

trash

come si vede dalla grafica , è un enorme sito,grande diverse volte l’Italia, situato nell’Oceano pacifico. Grazie al gioco delle correnti , vengono raccolte ed accumulate tutte le scorie plastiche ed altro del nostro pianeta.

In pratica una enorme discarica a cielo aperto e galleggiante di tutto  ciò che la stupidità ed inciviltà umana , scarica nei mari.

I danni sono enormi , a partire dall’ecosistema :pesci,mammiferi,vegetali etc

trash1

foca

tarta1

pellic

Il problema è che le dimensioni aumentano sempre più , segno evidente che il mondo “civile” ha preso una direzione assolutamente negativa . Una deriva altamente pericolosa, aggiunta a quella sul clima ,alla deforestazione,alla caccia di frodo,alla cementificazione di ogni mm di verde. Il 20 agosto ,lo rammento, è stato l’Overshoot Day,il giorno in cui l’uomo ha consumato tutte le risorse che l’intero Pianeta Terra riesce a produrre in un anno: Una tragedia enorme.

L’aspetto drammatico è che non c’è  la minima attenzione , da parte dei “cosidetti” grandi statisti, a queste cose ne la volonta di creare una nuovo livello educativo,comportamentale nelle nuove generazioni.Le attenzioni sono tutte per cose oscene come le guerre,il potere,il danaro.

La Natura presenterà il suo conto,prima o poi e,purtroppo non ci sarà potere,danaro o guerra , che potrà saldarlo.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: