Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 23 Maggio 2012

Ogni inizio di stagione balneare, c’è l’affannosa ricerca della bandiera blu, testimonial di spiaggia pulita e balneabile..si sa, gli alberghi ,le pensioni,le sdraio affittate con mutuo,hanno bisogno di vivere e sopravvivvre a tutti icosti…

…ma com’è davvero la realtà???

un triste lascito per le nostre future generazioni

 

Un mare di plastica, questo il ritratto del Mediterraneo che restituisce il rapportocondotto da un’equipe di ambientalisti e biologi marini dell’Istituto francese di ricerca sullo sfruttamento del mare (Ifremer) e dell’Università di Liegi (Belgio), che hanno preso parte alla spedizione ‘Expédition Med’, avvenuta nel luglio e agosto scorsi.

Su quaranta stazioni analizzate al largo di Francia, Spagna e Nord Italia, infatti, nel novanta per cento di queste è stata riscontrata la presenza di rifiuti in plastica entro i 20 centimetri dalla superficie dell’acqua. Si tratta di frammenti dal peso medio di 1,8 milligrammi.

Un dato, spiega l’Ifremer, che indicherebbe in media la presenza di circa 250 miliardi frammenti in plastica per tutto il Mediterraneo, pari a 500 tonnellate di rifiuti.

Si tratta, spiegano i ricercatori francesi e belgi, di una concentrazione non solo più alta di quella immaginata, ma che addirittura supera quella che riguarda i cosiddetti ‘continenti spazzatura‘ presenti nell’Oceano Pacifico e Atlantico.

In particolare, dallo studio emerge che la concentrazione più alta di rifiuti coincide con i prelievi effettuati al largo dell’Isola d’Elba, dove il numero di frammenti rilevato salirebbe a 892.000 elementi, contro una media minima di 115.000 frammenti plastici per chilometro quadrato.

In termini di impatto sugli ecosistemi, questo significa inquinamento delle acque marine ma anche rischio di sopravvivenza per le specie che le popolano. Il Mediterraneo, spiega infatti il rapporto francese, è diventato una ‘zuppa di plastica‘ mangiata dai suoi pesci. “Ogni anno un milione di uccelli marini e 100.000 mammiferi muoiono per i detriti marini”, ricorda inoltre il rapporto che spiega anche come dopo la spedizione 2010 sia stato avviato uno studio sull’impatto che l’assorbimento dei micro-rifiuti può avere sui pesci mictofidi (myctophids), i cosiddetti ‘pesci lanterna’.

La spedizione nel Mediterraneo continuerà per i prossimi tre anni –fino al 2013 – con l’obiettivo di monitorare anche le altre aree delmare nostrum (Marocco, Algeria, Tunisia, Malta, Croazia, Grecia, Turchia, Cipro, Siria, Libano e Israele).

Nel frattempo i ricercatori di Expedition Med hanno lanciato unapetizione per chiedere al Parlamento Europeo di salvare il Mediterraneo con misure che favoriscano il passaggio all’utilizzo di imballaggi riciclabili. Un’altra spinta verso il cambiamento, dopo l’entrata in vigore anche in Italia (dal 1 gennaio 2011) del divieto di commercializzazione dei sacchetti di plastica.

Read Full Post »

Secondo le stime Adoc, mediamente le famiglie italiane buttano il 35% dei prodotti freschi, il 19% del pane e il 16% di frutta e verdura. Il fenomeno però non si limita alle sole famiglie. Se si considera l’intero percorso di produzione di alimenti, dai campi ai supermercati lo spreco sale a 20 milioni di tonnellate. Al giorno, ognuno dei 600 ipermercati della penisola butta 250 chilogrammi cibo, perché vicino alla data di scadenza o per ragioni estetiche. Questo costa al Paese più di dieci miliardi di euro nel settore agricolo, 1,2 miliardi nell’industria alimentare e 1,5 miliardi nella distribuzione. Per un totale di quasi 12,7 miliardi di euro l’anno

Nel 2010 ogni italiano ha buttato via 27 chilogrammi di alimenti ancora commestibili, 8,8 milioni di tonnellate in tutto, il 10% del totale europeo. Una perdita di 454 euro a famiglia.

e questo in tempo di “borse strette” per la crisi…figuriamoci in tempo di “borse grasse”

Un bambino su quattro nel mondo è sottopeso; percentuale che nei paesi meno sviluppati arriva ad uno ogni tre; cinque milioni di bambini sotto i cinque anni d’età muoiono di malnutrizione o fame.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: