Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘mucche’

IMG_4827

ci dovrebbe essere una spiegazione, eppure non riesco ancora a trovarla.

IMG_4826

mi passano per la testa probabili tesi ma non riesco a definirne una plausibile. ho passato giorni interi con queste immagini scolpite, ma ,mi spiace davvero, non sono in grado di fornirvi una spiegazione.

sono arrivato, in fine ,alla conclusione che non riuscirò mai a trovarne una, anche perché,come diceva il buon sherlock, per risolvere i casi intricati bisogna immedesimarsi nella psiche del colpevole.

Immedesimarmi?ma noo! non ce la faccio proprio , propro io che non concepisco nessun tipo di sofferenza verso un animale dovrei trovare il nesso? non riuscirei neanche a volerlo, è come un limitatore cerebrale che non mi fa andare oltre.

Ammesso ci riuscissi, non lo farei lo stesso ,mai e poi mi abbasserei al livello infimo di questa marmaglia purulenta.

questo non è far ridere è DEridire , ne corre una immensa differenza.

 

Read Full Post »

 

n57_food_label_no_meat_inside_sticker-r63177631030944f68958411dd9e77965_v9w05_8byvr_512

La battaglia sulla carne e’ infinita e non finira’mai. Ci hanno cresciuto a bistecche con la benedizione di dottori,dietologi,alimentaristi, sui benefici della carne. Molti di noi continuano imperterriti,altri, grazie ai continui flussi di informazione libera incominciano a ravvedersi, altri ancora sono nati e cresciuti gia’ in contesti culturali o religiosi dove il solo privare la vita a un animale e’ un sacrilegio-

E’anche falso dichiarare che la carne e’ essenziale ed insostituibile, leggete qui per trovare le valide alternative.Quello che e’ sicuramente appurato, oggigiorno, riguarda la totale distruzione in ambito ecologico ed ambientale da parte dalle multinazionali alimentari per perseguire profitti a scapito della salute dell’individuo.Aggravante crudele ,sono i notevoli supplizi e sofferenze che gli animali sono costretti a subire.Se riuscite , guardate questo video per rendervene conto.

Di seguito uno stralcio dell ottimo “quattro sberle in padella” di Carnazzi,Apuzzo, anche se leggermente datato, le metodologie illustrate sono assolutamente attuali,anzi diciamo pure che la direzione e’ sempre piu’improntata verso i numeri a tutti i costo,a scapito di tutto il resto,salute umana compresa.L’importazione di carne americana “trattata” e’sempre stata proibita, ma l’improvvisa accelerazione che il governo USA vuole dare al famigerato TTIP(accordo di libero scambio USA-UE) sembra presagire a nefaste conseguenze per la salute di tutti noi. Il fatto che nessuno si opponga decisamente,Italia compresa,fa altrettanto supporre che ci siano allettanti contropartite per i governi.

TTIP-protest-in-Hamburg-photo-campact-1024x682-660x330 Money,contratti,appalti,protezione,armi, in cambio di acquistare carne,medicinali e quant’ altro, senza necessari ed approfonditi controlli. Per i politici la salute e’ ,a quanto sembra,un optional.

ALLEVAMENTI INTENSIVI.

Sembrerà un consiglio rivoluzionario, ma certo va alla radice del problema: evitare ogni prodotto proveniente da allevamenti intensivi.“Allevamenti intensivi” sono i capannoni industriali, nati negli anni Sessanta, in cui sono rinchiusi decine, centinaia, migliaia di animali (in America ci sono feedlots con dentro 100.000 e più capi di bestiame) in condizioni infernali, privati di libertà di movimento, dell’aria e della luce del sole, rinchiusi in gabbie, costretti ad alimentazione forzata, immunodepressi.
Le condizioni di vita degli animali, tali da suscitare pietà, sono oggetto di continue battaglie da parte
delle associazioni animaliste.Ma la concentrazione degli animali e il regime alimentare forzato aumentano lo stress, le malattie e la pericolosità microbica e sono la causa prima e principale della diffusione a raggiera dei veleni e dell’esplosione degli scandali alimentari (“mucca pazza”, “pollo alla diossina” e vedremo quali altri).La “modernizzazione” zootecnica ha riempito i cibi di residui di stimolatori dell’appetito, antibiotici(metà della produzione mondiale di antibiotici è destinata alla zootecnia), erbicidi, stimolatori della crescita, larvicidi e ormoni artificiali. Proprio l’abuso di antibiotici in zootecnia è all’origine del  fenomeno della resistenza, che da 20 anni tanto preoccupa gli scienziati e le cui percentuali in Italia sono quintuplicate dal ’92 a oggi: lo sviluppo di pericolosissimi superbatteri resistenti a tutti i trattamenti farmacologici (l’ultimo, lo streptococco VISA, ha già ucciso 4 persone negli USA e due anziani in Scozia — e si è già avuto il primo caso in Italia; in USA in un sacco di mangime per polli sono stati trovati batteri resistenti a tutti gli antibiotici!). Molte altre malattie, l’afta epizootica, l’Aids bovino (Biv), la salmonellosi, l’encefalopatia spungiforme bovina sono consustanziali all’allevamento intensivo. Ecco a voi i metodi di allevamento di alcune specie.

MUCCHE E BOVINI:

allevamenti_intensivi_08

i trattamenti con ormoni d’origine animale, di sintesi, sperimentali,sicuramente non sono stati interrotti. In America i trattamenti con ormoni sono non solamente ammessi,ma incoraggiati, e continuano ad essere sperimentati: zeranolo, estradiolo, testosterone, progesterone,trenbolone acetato sono in continua sperimentazione e inoculati in vitelli, mucche e tori. Riescono a farli crescere più velocemente del 50%. Per questo, per fortuna l’UE continua a tenere le proprie frontiere chiuse all’importazione di carne trattata con ormoni: l’ultimo rifiuto ufficiale data luglio 1999.Allora la ormai celebre (o famigerata?) WTO (World Trade Organization) avrebbe ordinato di”lasciare che il bando venga disatteso”, e gli USA hanno chiesto miliardi in risarcimenti. Ma in Europa l’importazione di carne americana è ancora vietata.
In Italia le condanne penali della Cassazione si susseguono, poche ma senza soluzione di continuità,
mentre l’Istituto Superiore di Sanità trova diversi corticosteroidi illegali nel latte, e 17-beta-estradiolo
nel siero bovino (usato per i vaccini). D’altronde, il D.lgs. 27/1/1992 n.118 vieta, è ovvio, la
somministrazione di ormoni, ma li autorizza a scopo terapeutico e nel periodo successivo al parto,
cioè: volendo, sempre. Dell’ormone DES (Dietilstilbestrolo), che provoca cancro al seno, è
difficilissimo accertare la presenza, essendo attivo anche in dosi infime (parliamo di milionesimi di
grammi). Secondo il Comitato Scientifico dell’Unione Europea, che doveva pronuciarsi a proposito
del doping, anche dosi infinitesimali di queste sostanze usate dagli allevatori danneggiano la salute
umana, innescando tumori e alterando le risposte del sistema immunitario10. Inoltre, i valori residuali di
ormoni ritenuti innocui fino a dieci anni fa, sono oggi , grazie a dati scientifici più raffinati, considerati rischiosi per i consumatori, specialmente per i bambini in età pre-puberale .11
Le ricorrenti malattie dei bovini provocate dalle condizioni-limite in cui vivono costringono a terapie
antibiotiche senza sosta. All’esame anatomo-patologico si rileva un’incidenza elevata di lesioni
muscolari dovute all’uso di sostanze xenobiotiche.

La dipendenza della zootecnia dall’industria farmaceutica presenta questi riflessi negativi:

— sofferenza e patologie iatrogene negli animali;
— residui pericolosi negli alimenti d’origine animale;
— gravi rischi epidemiologici per selezione microbica;
— alterazioni del processo di depurazione con peggioramento dell’inquinante;
— rischi mutageni per i principi emessi nell’ambiente.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ripetutamente messo sotto inchiesta i residui di certi
farmaci veterinari nel cibo: solo tra il ’97 e il ’98: abamectina, clorotetracicline e tetracicline, il
famigerato clembuterolo, cipermetrina, a-cipermetrina, neomicina, ossitetraciclina, spiramicina,
thiamphenical, tilmicosina, xilazina, e ancora ceftiofur, cyfluthrin, danofloxacina, di-idrostreptomicina
e streptomicina, fluazuron, flumequine, moxidectina, spiramicina. In Italia, è matematicamente certo (lo
dimostra la sproporzione tra le ricette “ufficiali” e il numero di animali: solo 5 ogni 100) che i farmaci
vengono acquistati sul mercato nero per non doverne segnalare l’uso. Poi, poco prima della
macellazione, viene somministrato agli animali un fortissimo diuretico che cancella le tracce delle
sostanze illegali.I farmaci innescano una lunga reazione a catena di rischi igienici: nel gennaio ’98 la FDA lanciòl’allarme per un’enorme quantità di farmaci parenterali distribuiti da una società californiana infettati dal bacillo mortale Cereus bacteria: Soluzioni saline ipertoniche, Lactated Ringer’s Solution, Calcium Gluconate 23% Solution, Dextrose Solution 50%, soluzioni elettrolitiche… Hanno luogo anche
trattamenti con farmaci sperimentali.Nei mangimi può esserci ogni genere di rifiuti ripugnanti: carogne di animali, scarti dell’industriadi trasformazione, lettiere o escrementi animali, residui della lavorazione dello zucchero, dell’olio,paglia trattata con ammoniaca, olii esausti di motori, addirittura i reflui inquinanti delle distillerie di whisky e di gin; in Francia finivano nei mangimi le acque nere, bollite, delle puliture dei macelli e delle stalle, “condite” con gli scarti della spremitura a caldo dei resti dei macelli. Il mais, che nella dieta dei poveri bovini ha sostituito il più costoso fieno, fermenta nel loro colon e favorisce la proliferazione di batteri, causa di pericolose infezioni che, inItalia, costringono ogni anno decine di bambini alla dialisi per danni ai reni. Nelle città non dotate d’inceneritore, diventano “farine per animali” le carcasse di  animali raccolti dalla Nettezza Urbana (cani e gatti randagi, topi, ratti e pantegane). Anche gli animali portati dal proprio veterinario per la “morte dolce” fanno la stessa fine: attenzione, potremmo ritrovarci Fido o Micio nella catena alimentare! Addirittura, potrebbero essere reimmesse (con o senza il consenso dell’ASL) nel mercato dei sottoprodotti (art.5 c.1 del D.lgs suddetto) le carni e i derivati sottoposti a trattamenti vietati! Così, nei grassi degli animali si accumulano le diossine, pesticidi come   il 4-4′ DDT, DDE, DDD, EDTA e metalli pesanti come il cadmio (per colpa del quale nel ‘95 si è scoperto che una fettina di cavallo su due è fuorilegge), piombo, arsenico e cromo.
Però, la sanzione (depenalizzata) per chi commercializza mangimi scadenti va da lire 600.000 a lire
3.000.000; se sono nocivi “per il bestiame… ammenda da lire 250.000 a lire 2.000.000” (art.22
l.15/2/1963, depenalizzata e aggiornata nel 1981).
La Confcommercio, su impulso del DM 13/4/99, ha avviato a fine ’99 una ricerca per censire gli
intermediari che immettono in commercio additivi, miscele, prodotti proteici, amminoacidi e simili,
tentando di ricostruire l’intero iter della fabbricazione. Speriamo. Ne vedremo delle belle.
Perfino nelle mangiatoie dei disgraziatissimi animali si annidano veleni: uno studio condotto in
Europa nella primavera ’98 ha rivelato che una mangiatoia su tre era contaminata da antimicrobici
non dichiarati, una su quattro a concentrazioni elevatissime: clorotetraciclina (CTC) nel 15% dei casi,
sulfonamidici nel 7%, penicillina nel 4%, trattamenti ionoforetici nel 3%, e tutte le concentrazioni di
sulfonamidici erano sufficienti per lasciare residui tali da causare danni ai tessuti, alle mucose da
contatto.
Importazione illegale di carne. Ne ha parlato con coraggioso tempismo Antonio Delitalia, dalle
colonne de «Il Giornale» (16 giugno ’97): «ci sono due tendenze tutte italiane di fronte a un argomento
scomodo e ingombrante: chiudere un occhio e fare finta di non avere visto, o spalancarli tutti e due e
denunciare situazioni che travalicano la realtà. Il problema della carne contaminata da clembuterolo e
affini rischia di essere uno di questi. Scomodo perché si parla di frode alimentare, ingombrante perché
la carne arriva nel piatto di oltre quarantacinque milioni di italiani».
Il problema esiste. Lo confermano Ministero della sanità e Istituto superiore della sanità,
Associazione dei consumatori e Associazione dei produttori di carne di vitello… Il problema assai
grave è quello dell’importazione di carni clandestine, che, per evitare l’Iva, sfuggono qualunque
accertamento sanitario. E dal Triveneto gli allevatori fanno sapere che il 10% della carne importata è al
clembuterolo. Dal momento che importiamo circa il 50% della carne bovina che consumiamo, il
problema ha dimensioni preoccupanti. Non allarmistiche, ma preoccupanti.
Dice Vincenzo Dona, segretario generale dell’Associazione consumatori che ha elevato frequenti
proteste, senza però ottenere risultati apprezzabili: «I controlli sono inadeguati, e fanno acqua più di
una bistecca al cortisone».

L’Europa ha imposto il marchio di qualità, però il governo è inadempiente.
Ma anche l’importazione, che raggiunge in alcuni settori il 50% dei consumi, va disciplinata. Per
evadere l’Iva si è creato un mercato clandestino lucrosissimo. Ma anche nell’importazione legale il
controllo è possibile solo sulle mezzene, non sulla carne pezzata e confezionata che finisce sul banco di
macelleria.Un documento ministeriale certifica l’avvenuta intossicazione collettiva di Assisi per carne al
clembuterolo, la cui responsabilità, ridotta a pochi allevatori, ricade su tutti.
«Il problema esiste» diceva nel ’97 il prof. Agostino Macrì, responsabile del servizio veterinario
dell’lstituto superiore di sanità. E, per quanto ci riguarda, va risolto perché riguarda la salute.
Ma nulla è stato fatto.E non ci sono solo veleni “artificiali”. Come se non bastasse, anche i c.d. “contaminanti naturali” sono un’insidia per chi mangia carne: le aflatossine (un tipo di micotossine, sostanze tossiche prodotte dalle muffe) possono contaminare i cereali destinati a diventare mangime per animali prima e durante il raccolto o per immagazzinamento e conservazione sbagliati. Quando gli animali mangiano cibo  contaminato, perdono peso e diminuisce la produzione di latte; i metaboliti di queste tossine infettano i tessuti animali commestibili, e si riversano nel latte. Sono pericolose per la salute umana
concentrazioni di aflatossine superiori a 20 miliardesimi di grammo nei mangimi e a 0,5 miliardesimi di
grammo nel latte! Infine, lo stress innaturale e perpetuo causa un accumulo di adrenalina che realmente avvelena la carne, la cui assunzione può essere nociva per l’uomo. Motivi dello stress: condizioni di vita,
alimentazione forzata, interminabili trasporti di ore e giorni con carri bestiame fermi alle frontiere o nei
porti senza alcun supporto vitale, niente acqua, niente riposo, niente riparo dal sole torrido o dalla
pioggia. Unica speranza, la morte.

VITELLI

Bovini2

il sistema per mantenere la carne pallida, rosea e delicata consiste nel tenerli in condizioni
enormemente innaturali. Al terzo-quarto giorno di vita, strappati alle madri inseminate artificialmente,
vengono collocati ognuno in un box largo 40 cm. e lungo un metro e mezzo. I vitelli sono legati con
una catena al collo per impedire ogni movimento (la catena potrà esser tolta quando il povero essere
sarà cresciuto tanto da occupare tutto il ristretto spazio del box). Essi non vedranno mai né paglia né
fieno, poiché mangiarne potrebbe rovinare il tenue colorito delle carni. Gli studiosi, per questi poveri
vitellini, parlano di stress acuto e cronico, le cui conseguenze sono immunodeficienza (i vitellini si
ammalano), infezioni, necessità di antibiotici. Nutriti con budini semiliquidi iper-proteici che causano
un’inestinguibile arsura (l’acqua è loro assolutamente negata, per indurli a ipernutrirsi, mangiando più
budino e più velocemente) e un’inarrestabile dissenteria per spingerli all’anemia al fine di sbiancare le
carni; disordini digestivi e ulcere sono frequenti; sottoposti a cicli costanti di trattamenti antibiotici,
dopo tredici-quindici settimane si portano al macello. Avete mai visto gli occhioni spaventati di un
vitello portato al macello?

Q L’allevamento intensivo bovini e vitelli è anche un rischio ecologico e biologico, oltre che sanitario. I vitelli sono la “residenza” preferita di germi e infezioni, di Escherichia coli 0157:H7, VTEC e STEC, parassitemie theileriali da Theileria buffeli, Neospora caninum (diffusa dal Canada all’Argentina, e in Spagna) e altre malattie epidemiche. Per esempio, nel novembre ’99 un modello di simulazione dinamica realizzato dal Dipartimento di farmacologia, microbiologia e igiene alimentare della Scuola norvegese di scienze veterinarie di Oslo ha stabilito che, anche qualora l’importazione di carne di vitello in Norvegia cessasse nel volgere di due anni, per oltre dieci anni continuerebbero a crescere le infezioni da Taenia saginata nei vitelli domestici, e di conseguenza gli episodi epidemici di infezioni negli uomini. Nell’agosto del 1999 è stato isolato in Malaysia un Enterococcus faecium quasi invincibile, resistente alla vancomicina e a un’ampia gamma di antibiotici. E dov’era? Era in 10 campioni di tessuto molle di carne bovina.

 Nota di demerito speciale per il fegato di vitello e di bovino adulto, che molti ritengono “prelibato”. Il fegato si impregna di tutte le sostanze nocive assimilate da un organismo.12

 Carne trita. La carne trita è soggetta ad annerimento più di altri “tagli” di carne. Non possiamo escludere la possibilità che “additivi non consentiti” (come scrive la Pretura di Torino in una sentenza di condanna di un macellaio) vengano aggiunti per ritardare questo processo. Io ho iniziato a sospettare qualcosa di simile quando mi sono accorto che i miei gatti, ghiottissimi di carne, invece annusavano con diffidenza e non assaggiavano neppure la carne trita quando provavo a offrirla loro. Comunque, nei supermarket, ove ormai spesso è confezionata “in atmosfera protettiva” (CO2), è più difficile che quest’eventualità si verifichi.

 Ragù. Sfuggono all’etichettatura i conservanti e gli additivi di cui è impregnata la “carne secca perminestre” e la “carne secca per preparati di minestre o salse”. I più pericolosi sono i gallati di propile (E310),di ottile (E 311), dodecile (E 312), eritorbati…

MAIALI.

gabbie maialini

Intelligenti e giocherelloni, di intelligenza paragonabile a quella dei cani — e forse superiore —, in condizioni inidonee i maiali stressati tendono a mordersi la coda, che quindi vien loro tagliata, “smozzata”, insieme coi denti e con le orecchie. Le scrofe vivono recluse e immobilizzate,ridotte a partorire, esser private dei piccoli, per poi essere inseminate di nuovo e così via, fino ad
esaurimento. Grazie a metodi di allattamento artificiale, il roseo maialino viene svezzato 6-12 ore dopo
la nascita. Possono morire di PSS, Porcine Stress Syndrome, “stress, rigidezza, pelle a chiazze, affanno,
ansia e morte improvvisa”. Spesso si azzoppano sui pavimenti, a rade assicelle per far passare gli
escrementi. Gli odierni suini da carne vengono letteralmente schiacciati dal loro stesso peso, le ossa, le
articolazioni degenerano e spesso le bestie perdono l’uso degli arti posteriori, ipertrofici.

Q Un’inchiesta di Giuliano Ferrieri, pubblicata con sorprendente preveggenza dall’“Europeo” nel 1991,
elencava (in sintesi) quel che si trova in una fettina di carne:
— Ormoni
— Antibiotici
— Fattori di crescita
— Virus
— Beta-bloccanti
— Ritardanti tiroidei
— Psicofarmaci
— Pesticidi

Uno studio pubblicato nel novembre ’99 ha verificato che, su 158 campioni di salsiccia cruda comprati nei
supermarket di Dessau nell’arco di 4 mesi, nel 9% di essi si è riscontrata la presenza di una tossina prodotta dall’Escherichia coli (VTEC).14

CONIGLI:

conigli-500

Ora tocca ai conigli. Nel novembre del ’96 il mercato della carne di coniglio ha subìto un tracollo, per la presenza di carni contaminate da un farmaco, l’Olanquidox, usato contro forme infettive. A metà giugno ’97, ventimila conigli sono stati sequestrati a Perugia: i mangimi utilizzati conterrebbero sostanze chimiche del tipo Carbadox, ammesse sino allo svezzamento nell’alimentazione dei suini, ma severamente vietate per le altre specie animali da carne. I Nas risalirono al mangimificio della zona di Perugia che aveva prodotto, a quanto pare, mangimi in modo difforme rispetto a quelli richiesti. Fu vietata la vendita dei conigli.
Il Carbadox viene utilizzato nella profilassi delle enteriti batteriche e, se la positività delle carni è
elevata può rappresentare un pericolo per la salute a causa degli effetti tossici.«Alcuni prodotti tossici – precisano al servizio veterinario dell’Istituto superiore di sanità – sono eliminati entro un periodo abbastanza lungo, circa un mese. Se la macellazione e la consumazione delle carni avviene prima, è probabile rilevare condizioni di tossicità».

Ma mentre la carne al clembuterolo determina, appena ingerita, sintomi precisi (cefalea, 1
tremori muscolari, tachicardia, ansia), la carne di coniglio trattata con farmaci usati contro malattie
epidemiche non determina alcuna sintomatologia, ma potrebbe dar luogo a intossicazioni croniche.
Inoltre, c’è un altro veleno che ammorba la carne di coniglio. Si tratta di avvelenamento mentale.
Vedete i conigli spellati appesi alle vetrine delle macellerie o raggomitolati nelle vaschette di plastica
dei supermercati, che vi guardano con gli occhietti neri? Ma, dannazione, non sembrano feti umani?

GALLINE E POLLAME

Allevamento_intensivo_di_galline

 alla nascita, i pulcini maschi vengono “scartati”, gettati via e tritati vivi.
Gli animali allevati, chiusi in gabbie strettissime, si strappano le piume e si mangiano a vicenda
(cannibalismo) in accessi furiosi. Per quanto concerne le galline: irradiate con infrarossi, sottoposte alla
ghigliottina dello “sbeccamento” (taglio del becco), bioritmi alteratiio da cicli notte/giorno artificiali,
alimentazione forzata con pastoni fatti col loro stesso guano, con scarti alimentari, residui d’ogni genere
e di provenienza incontrollabile. Nei mangimi dei polli e dei maiali belgi sono stati trovati PCB
(bifenile policlorurato) — come mangiare insalata di pollo condita con olio di macchina usato! —,
altamente tossici e cancerogeni: la loro diffusione è responsabile dell’aumento di gravi malattie in quanto i PCB si accumulano nella catena alimentare.Gli animali sono così malati che devono essere praticate ininterrotte terapie antibiotiche, tanto violente ed invasive che un veterinario d’una USSL testimoniava di aver dovuto imporre un “blocco ” all’uso di antibiotici in un allevamento industriale: risultato devastante, 20.000 polli morti in pochi giorni.

OCHE.

Il prelibato pâté de foie gras è così ottenuto. Alle oche viene tagliato il becco, inutile
intralcio all’alimentazione. I loro piedi palmati vengono inchiodati al pavimento, e si procede poi ad
agevole ingozzatura forzata di 2,7 kg al giorno di un’untuosa pappetta salata con un lungo imbuto che
penetra giù nell’esofago, oltre la sacca dell’ingluvie, fin dentro lo stomaco ghiandolare — operazione
traumatica, causa di ulcerazioni — facendo loro sviluppare abnormi, malati, deformi fegati ipertrofici:
insomma si provoca la steatosi epatica.
Sul «Corriere della Sera» del 23 dicembre ’98 leggiamo e trascriviamo: «”Unione Europea, in
pericolo il “foie gras”: “Metodo di produzione dannoso, va cambiato”. Potrebbe essere l’ultimo natale
in cui i “gourmet” potranno aprire i loro cenoni con il buon vecchio “foie gras”. Dipende dagli
scienziati dell’Unione Europea e, soprattutto dalle conseguenze dei loro studi. Un’indagine sul metodo
di produzione della prelibatezza— ottenuta dal fegato di oche e anatre forzate a ingollare granaglie
attraverso una sonda inserita in gola due volte al giorno— ha concluso che “l’alimentazione forzata cosi
come viene condotta è una minaccia per la salute dei volatili”. Gli scienziati hanno sollecitato i
produttori di “foie gras” ad adottare sistemi d’allevamento e nutrizione più appropriati: un cambiamento
drastico che rischia di seminare scontento e rabbia soprattutto in Francia, maggiore produttrice.
Per ora si tratta di raccomandazioni non vincolanti. Il vero problema si presenterebbe per produttori e
buongustai se i Quindici decidessero di adottare lo studio e le sue conclusioni come base per una
ridefinizione legislativa della materia. Il metodo seguito ora produce un ingrossamento del fegato di
anatre e oche fino a dieci volte le dimensioni normali. Dopo la macellazione il fegato viene venduto
non trattato o in forma di paté. Secondo gli scienziati, una soluzione “estrema” sarebbe il bando alla
produzione importazione e vendita di “foie gras” prodotto attraverso l’alimentazione forzata

Read Full Post »

Una dannatissima e bellissima creazione del writer Banksy,dopo aver visto le schizofreniche porcherie di Damien Hirst,qui, questo e’ come un toccasana per un atroce tormento.

Lol ,so great, dude.

ecco Sirens of the lambs

Read Full Post »

muuu

Un recente studio condotto dal Centro per la agricoltura sostenibile della Washington University e pubblicato su Plos One, ha stabilito che il latte intero proveniente dalle mucche allevate in fattorie biologiche, ha proprieta’ salutari superiori a quello biologico parzialmente o interamente scremato.In particolare il latte intero bio,chiamato organico in USA, contiene la piu’ alta concentrazione di acidi grassi omega-3 (il 4%) benefici per la salute, rispetto sia al latte regolare che a quello organico ma scremato. Quest’ultimo non contiene alcun acido grasso.

E’ strato evidenziato un corretto rapporto percentuale tra acidi grassi omega3 (in maggioranza) ed omega6 (in minoranza).”L’indagine ha fornito prove chiare che il latte biologico intero ha il giusto equilibrio tra gli acidi grassi per aiutare a diminuire i rischi di malattie cardiache”

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: