Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘berkeley’

back home

Spesso e volentieri i media e i social esagerano. Un esempio ,fra i tanti, sono quei video virali del ritorno a casa di soldati USA dal fronte,dopo mesi,e della reazione del loro cane all’arrivo. Non ho scelto USA per simpatia, il fatto è che sono i soli soldati sempre al fronte da qualche parte 🙂

Non oso immaginare se io mancassi per un giorno intero ai miei,in particolare alla mia Bea.

Questo non è virale è un virus dì schizofrenia 🙂 e succede tutti i giorni quando torno dal lavoro, altro che mesi.

 

 

la supermamma ,ormai va per i 15 ,zoppica e qualche acciacco artritico  ce l ha, ma ci prova comunque,amore dei miei occhi

 

adesso ditemi un po’ come fanno a non passarmi cazzi&mazzi della giornata e anche di quella successiva.

Read Full Post »

Questo e’ un piacevolissimo esperimento che feci con la bellissima cucciolata della mia superMamma Berkeley.

Questi stupendi batuffoli neri sono nati nella mia camera da letto in una lunghissima notte  di quasi tre anni fa.Emozione da favola,inutile dirlo.Dal primo momento ho incominciato a sussurrare loro la parola :Pupi.

Parola che ripetevo ogni giorno sino allo svezzamento.

Questo video evidenzia come i cuccioli reagivano alla mia voce e ancora adesso,quando ho la fortuna di rivederne qualcuno, e’ una gioia infinita.

La piu’ “disperata”,Bea,quella con il nastrino giallo, e’ poi rimasta con me e mamma

questo un bellissimo time lapse della banda

prova di forza con la sorellina Viola

e ancora: sono loro a sceglierti

 

Read Full Post »

366 giorni all’anno

mamma Berky e la sua figlioletta Bea

c’è un luogo comune che recita così:

mi piacerebbe avere un  cane , ma , purtroppo, non ho il giardino

bisognerebbe chiederlo al cane, o ai cani, se loro sono piu’ felici a vivere in giardino oppure  in casa con voi.

il giardino è  la valvola di sfogo della pigrizia materiale e una certa insicurezza affettiva.

cosa c’è di piu’ bello che girare la toppa di casa e sentire già quei sospiri ,quelle code che vibrano, le orecchie che scuotono e quella carica esplosiva di affetto che ti assale appena apri l’uscio

potresti avere mille problemi che tutto si stempera in quella gioia sfrenata…e ti contagia..eccome se lo fa.

E lo fanno ,sempre e comunque, per 365 giorni all’anno, senza chiedervi nulla piu’ che una carezza e un sorriso.

che dire, poi, quando ti svegli alla mattina con quegli occhi addosso che diffondono felicità di rivederti attivo e quel desiderio di “abbracciarti” spontaneo che solo un cane sa fare…e tutto sparisce di incanto, giornate faticose in arrivo, problemi ,bazzeccole varie.

E lo fanno ,sempre e comunque, per 365 giorni all’anno, senza chiedervi nulla piu’ che una carezza e un sorriso.

Se avessero anche un giorno in piu’ ,sarebbero ancora più felici di farlo per 366 giorni.

Ecco perchè preferiscono vivere in casa con voi.

Non esiste paragone tra gli umani…noi siamo esseri impuri a confronto.

Il giardino è dentro loro, non hanno bisogno di averlo fisicamente…è quello che vorrebbero far capire a chi non ,o non vuole, arrivarci.

Un cane è un espressione semplice, forse molti non riescono a capirlo veramente perchè la semplicità non dimora in quegli animi.

E’ un grande peccato, perchè,dopotutto, tutti noi siamo nati semplici ,poi ,altri, ci hanno insegnato a complicarci la vita con amenità varie.

Long life to my dogs…mi hanno regalato e mi regalano, la gioia e la tranquillità di passare attimi di vita  senza particolari necessità, se non la felicità di voler bene a qualcuno in modo spontaneo….

…..sempre e comunque per 365 giorni all’anno

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: