Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 gennaio 2011

Londra ed il Tamigi ce l’hanno fatta! Dopo un attenta politica ambientale con chiusure di miniere,cave ed una scrupolosa attenzione alla depurazione delle acque civili ed industriali, il Tamigi ha ripreso vita e numerose specie ittiche ,mammiferi,vegetali, sono ritornate .

Da Noi…da noi…i fiumi STANNO MORENDO QUASI TUTTI.E’ una questione di mentalità? di politica?di disattenzione? di speculazione?di quello che volete.Fatto sta che è una faccenda altamente immorale e la Natura non se lo merita assolutamente .

Coloro i quali permettono,acconsentono,confermano questo sfacelo sono dei MALEDETTI IRRESPONSABILI.


Prima s’è affacciato il salmone, dopo un’assenza di decenni. Poi è tornata la lontra, si sono riviste le sogliole, sparute foche, anche. Persino i cavallucci marini hanno messo fine a un esilio secolare, e si stanno riorganizzando in colonie per tornare ad abitare quelle acque di Londra prima inospitali a causa dei veleni: il Tamigi, il fiume che era stato dichiarato “biologicamente morto” solo cinquant’anni fa, ha ripreso a vivere, tornando limpido come ai tempi che precedettero la Rivoluzione Industriale.

L’ultimo rapporto dell’Environment Agency, l’ente statale che gestisce i corsi d’acqua, fa gridare al miracolo. Non solo per quanto sta accadendo “dentro” l’Old Father Thames, come i londinesi chiamano il loro fiume. Ma anche per i dati, rivelati dall’Independent, degli altri “torrenti” del Regno Unito, prima fogne a cielo aperto, ora luoghi dove sta rinascendo la vita. La risurrezione della flora e della fauna lungo e dentro i canali della Gran Bretagna è il frutto di un lavoro sulla qualità dell’acqua che è stato un punto fermo nell’ecostrategia britannica, dalla Thatcher ad oggi.

Un quadro opposto a quello disegnato dal Wwf che ha realizzato la mappa del degrado dei fiumi italiani.
Cemento e rifiuti svuotano e alterano i nostri corsi d’acqua e minacciano trote, tinche, decine di pesci autoctoni, dal Piave al Loreto, in Sicilia. Il dossier del Wwf tratteggia un quadro desolante dei nostri fiumi, inquinati da scarichi a cielo aperto e depuratori non funzionanti. Una situazione che mette in pericolo di estinzione l’88% dei pesci di acqua dolce, e due terzi degli uccelli e dei mammiferi che vivono lungo i torrenti.
Il Regno Unito, da anni, ha preso un’altra strada, scegliendo la via maestra degli standard europei: certo, la chiusura di acciaierie e miniere ha aiutato. Ma questo non spiega da solo il miracolo britannico. L’Agenzia per l’Ambiente ha investito massicciamente nei depuratori. Ha iniziato a trattare tutti i reflui fognari di Londra, ha introdotto una legislazione più dura contro gli inquinatori. L’acqua pulita ha riaperto la strada al salmone. E quest’anno il Tamigi, che ospita 125 specie di pesci, ha vinto il Thiess River Prize, il riconoscimento internazionale che premia i progetti di recupero dei corsi d’acqua.

In Italia stiamo cinquant’anni indietro. “I nostri fiumi stanno morendo”, denuncia il Wwf. “L’autorità nazionale di bacino – accusano gli ambientalisti – non è mai nata, ed è stata sacrificata nel nome del federalismo, indebolendo così i controlli”. Lo stato del degrado è stato fotografato qualche mese fa da 600 volontari, che hanno setacciato 29 corsi d’acqua in tutte le regioni, alla ricerca della biodiversità perduta. Sul Loreto, in Sicilia, ad esempio, le briglie in cemento si moltiplicano, aumentando la velocità di scorrimento delle acque.
Sull’Agri, in Basilicata, sono stati individuati 74 sbarramenti e 26 depositi di rifiuti. Lungo l’Adda, poi, aumentano i cantieri e, in località Zelo Bompersico, sono stati scoperti anche scarichi non funzionanti che sversano liquami direttamente nel fiume, minacciato anche da coltivazioni di mais, che hanno “mangiato” salici e canneti.

Anche l’Aniene è avvelenato da depuratori inattivi. Scarichi abusivi sono stati denunciati pure nell’alto Tevere, mentre nel delta del Po sono state trovate allarmanti tracce di una biodiversità impoverita. Qui, i pesci-siluro e gli altri “oriundi”, spinti a nord dai cambiamenti climatici, hanno eliminato il 95% dei pesci autoctoni.
E così, nella lista rossa delle specie minacciate, sono finiti molti esemplari: solo il cavedano è fuori pericolo, ma lo storione, la trota marmorata e il ghiozzo di ruscello sono quasi spariti. Anguille e tinche sono a rischio in molti fiumi, ma sono state cancellate nel Volturno, in Campania: nella terra di Gomorra, c’è spazio solo per discariche di amianto e di eternit.


Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: