Feeds:
Articoli
Commenti

botanical balcony [preview)

Anche se PURTROPPO non hai un giardino, oppure se ce l hai e ti costringono a metterlo all inglese con divieto d accesso a 🐕  e 🐷 , sfrutta il tuo Balcone.

Non arrenderti, sarai ricompensato. 🙂

 

 

9EDE3B04-29F2-4500-BB21-B00FB83A6095

Personalmente, abbraccerei queste donne, una ad una. La loro vita in gioco, per proteggere gli animali ,i loro animali, da maledetti bracconieri.

Dio Santo , vi amo!!

 

Nello Zimbabwe è nato un nuovo progetto di antibracconaggio. Si chiama «akashinga», che significa «coraggiosi». Ed è un’iniziativa della «International Anti-Poaching Foundation», l’organizzazione no profit che si occupa di antibracconaggio in tutto il mondo.

9F1D14A3-592E-4627-9D65-7DEBF4E62564

Le donne del progetto provengono da situazioni difficili – raccontano gli organizzatori -. Ci sono madri single, ragazze vittime di abusi sessuali, vedove e orfane». L’iniziativa pilota ha coinvolto per il momento 35 donne.
9327030E-0AEF-42EB-804F-323733101BCD
Questo progetto è importante per proteggere gli elefanti e i rinoceronti che vengono cercati dai bracconieri per commercio di avorio – continuano -. E siccome spesso gli animali diventano trofei, è importante fermare il bracconaggio per non vedere il numero degli animali dello Zimbabwe diminuire anno dopo anno». Aggiungono: «Esiste infatti la possibilità che gli elefanti africani possano estinguersi entro il 2030».
Grazie di esistere.
6075EC4C-8F9F-49C3-B6CD-6E5618896BC9

3E5614A0-D7C6-4213-8246-EAE8D8E03AD2

“i pesticidi entrano nel sangue delle donne in gravidanza”.

Solo questa innegabile e constatata verità, dovrebbe far pensare e rabbrividire molti e molti, se ne hanno voglia, ma si sa , la voglia in questi casi è come una foglia autunnale quando soffia il vento del business a tutti i costi, acclamato e riverito dalle multinazionali alimentari e farmaceutiche.

Complimentoni al Trentino ed al Veneto per il record assoluto di pesticidi sul territorio e DENTRO il territorio, altro che venite a respirare il verde della natura come recitano i loro fulgidi depliants turistici.

Vergogna è una parola gentilissima in questo caso. Per tirar su coltivazioni a josa, o tirar giù qualche mela in più,stanno avvelenando terra, falde, animali e persone. Anzichè vergogna, meglio criminali.

Eccovi uno sconvolgente report, riportato nel Docufilm di Alessandro Tomasi in uscita “Pesticidi siamo alla frutta”

Avvelenati a norma di legge. Ci tocca lo stesso destino di Biancaneve, solo che stavolta non ci sarà nessun principe azzurro a cavallo che verrà a salvarci, dovremo vedercela da soli. Perché i pesticidi utilizzati in agricoltura sono nel sangue delle donne in gravidanza, nello sterco degli orsi, nel miele e persino sui ghiacciai. Lo racconta ‘Pesticidi, siamo alla frutta’, sottotitolo ‘Biancaneve non è sola’, il nuovo documentario di Andrea Tomasi, già coautore del libro inchiesta ‘La farfalla avvelenata’ e del docufilm ‘Veleni in paradiso’, sul traffico di rifiuti tossici che da mezza Italia arrivano in Trentino, affiancato in quest’avventura dal videomaker Leonardo Fabbri, titolare di Envyda. E di avventura si tratta, dato che l’intero lavoro, che parla degli effetti dell’agricoltura intensiva in Italia, è stato autoprodotto e autofinanziato. In questi giorni, dopo le tappe in Trentino, altre proiezioni sono previste in tutta Italia, da Roma a Taranto, da Bologna alla Terra dei fuochi.

DAI DATI AGLI ALLARMI DEGLI ESPERTI
Si parte dai dati dell’Ispra (Istituto superiore per la Protezione e la ricerca ambientale). Nel docufilm si mostrano quelli sulle vendite delle varie tipologie di fitofarmaciregione per regione. D’altro canto nel nuovo ‘Rapporto nazionale pesticidi nelle acque 2018’ appena pubblicato l’Ispra certifica che il Trentino resta a livelli altissimi ed è il peggiore, in Italia, secondo solo al Veneto. In Provincia di Trento, infatti, sono stati rilevati 9,3 chilogrammi per ettaro di superficie agricola utilizzata, un livello altissimo rispetto alla media nazionale che è di 4,9 chilogrammi a ettaro e molto lontano dalla vicina provincia di Bolzano che si ferma a 4,4. Il Veneto è l’unico territorio che riesce a fare peggio con 11,7 chilogrammi di pesticidi per ettaro di superficie agricola utilizzata. “Ma se nel docufilm il baricentro è proprio in Trentino, con l’agricoltura intensiva delle mele golden a farla da padrona  – spiega a ilfattoquotidiano.it Andrea Tomasi – affrontiamo una questione che interessa tutto il nostro Paese, da Nord a Sud. E riguarda produttori, consumatori, istituzioni”. Si dà la parola a oncologi, pediatri, nutrizionisti, contadini bio e non, per cercare di capire qual è la situazione nel nostro Paese, ma anche quali sono gli effetti dell’agricoltura intensiva e dell’utilizzo dei pesticidi sui consumatori e, soprattutto, sui bambini. Da queste testimonianze emerge che pur trattandosi di farmaci a norma di legge “come spiega  il pediatra Leonardo Pinelli – aggiunge Tomasi – non viene calcolato l’effetto del mix dei fitofarmaci, sul quale non ci sono neppure studi approfonditi. Dunque si sceglie cosa mangiare, senza avere una vera consapevolezza sugli effetti che l’assunzione di una serie di prodotti avrà sul nostro organismo”.
PESTICIDI OVUNQUE
Partendo proprio dal Trentino Alto Adige, nel docufilm viene intervistato un contadino biologico che, insieme al ‘Comitato per il diritto alla salute’ della Val di Non ha raccolto dei campioni, fatti poi analizzare in un laboratorio di Firenze. Ebbene, sono state trovate tracce di pesticidi nello sterco dell’orso e nel favo di ceradi un alveare dal quale, quindi, passa direttamente nel miele che consumiamo. E se non può essere considerato un campione statisticamente rilevante quello che riguarda le analisi fatte in Germania e in Italia su 14 donne in gravidanza, è comunque significativo che nel 100 per cento dei casi siano state trovate tracce di fitofarmaci nelle urine. Al lavoro ha contribuito anche il meteorologo Luca Mercalli (che tiene una rubrica sul nostro mensile FqMillenniuM, ndr), che parla della presenza di sostanze chimiche anche sui ghiacciai dell’arco alpino, ad alta quota. La nutrizionista Renata Alleva ha affrontato la questione degli effetti della presenza di pesticidi sul Dna, parlando delle analisi che lei stessa ha fatto eseguire in Val di Non su una trentina di abitanti tra uomini, donne e bambini.
IL BIOLOGICO: UN SISTEMA IMPERFETTO
Nel docufilm c’è anche un cameo dell’attore e regista Marco Paolini. Ricco di ironia il contributo di Velia Lalli, volto noto di Comedy Central di Sky e del programma Sbandati di Raidue, che prende in giro un certo modo di produrre e consumare biologico. A riguardo si giunge alla conclusione che, nonostante produrre biocosti troppo e ad oggi non rappresenti un sistema perfetto, forse è quella l’unica alternativa all’avvelenamento ‘a norma di legge’. Sulla strada opposta, lo racconta il docufilm, ci sono le contraddizioni dell’agricoltura intensiva. Un esempio è proprio quello della coltura intensiva delle mele golden in Trentino. In Italia molti sono invece i comuni che hanno aderito al progetto europeo ‘Città libere dai pesticidi’, azzerando o riducendo al minimo l’uso dei pesticidi sul loro territorio in favore di alternative sostenibili: Varese, Ragusa, Malles (Bolzano), Occhiobello (Rovigo), Volvera (Torino), Bastida Pancarana (Pavia), Robilante, Morozzo e Barge (tutti in provincia di Cuneo) e Lozzolo (Vercelli).
IL MESSAGGIO
Secondo l’autore del docufilm “l’Italia può e deve fare molto di più, a maggior ragione in un momento nel quale anche la percezione dei consumatori sta cambiando. Siamo tutti più prudenti, soprattutto per i nostri figli”. Eppure, nonostante a livello europeo l’Italia avesse assunto una posizione favorevole alla messa al bando del glifosato, per esempio, tutto è stato frenato da Bruxelles. Gli interessi in ballo sono tanti. “Prima di rimuovere gli ostacoli politici, sia nazionali sia a livello europeo – conclude Tomasi – possiamo partire da noi stessi, prendendo consapevolezza del fatto che ogni volta che scegliamo qualcosa al supermercato è come se votassimo. Decidiamo noi cosa il mercato offrirà domani”.
Pesticidi, siamo alla frutta

AKR il demone

B51B7B75-8ACF-4FE8-9A39-B2DF37A52286

Ci son giorni che vorresti sfasciare tutto: MA ALLA GRANDE.

Son quei giorni dove la dominante violenta riesce a far cocuzza dalla sua fucina di fuoco eterno. Il controllo di questo ..è affare importante, niente di piu’  pericoloso che lasciarsi dominare da AKR .

AKR è un demone latente. E’ in noi: E’ il lato istintivo, è il confine uomo-animale. Anche se pensiamo e diciamo che non c’è…….Lui c’è.

E quei giorni sembrano durare un infinità , a volte ti sembra di non poter tornare piu’. Vedi il sorriso di AKR e ti sembra sia la fonte di una luce dirompente. Ascolti quelle parole che non si sentono e la forza di un bufalo africano entra in te. Sono giorni neri , interrotti da lampi acuti. Strane lingue danzano nella tua mente. Non comprendi il senso del verbo ma capisci benissimo l’infusione di devastante confusione che portano e allora scopri che son millenni che AKR esiste.

Lui scommette su quello.

Creare confusione significa far allentare la cima della corda giusta. Come una radice , fluttuare sulle onde. Non c’è piu’ meta, l’orizzonte è sempre uguale. Quelle nuvole nere sovrastano , non si vede niente piu’. Anche una piccola sciocchezza diventa un mulino a vento e il senor de La Mancha sa bene cosa vuol dire. Cose si fanno senza filo logico, forse l’istinto…ma si sa l’Istinto è cavalcato da AKR in quei giorni.

E Lui ride…si si…si inonda di felicità demoniaca. La vittoria sulla mente umana è un sogno rincorso da molti . E ride, mentre tu stai portando a termine una cosa sconsacrata…allucinante..imperdonabile, e ride di piu’ nella tua rovina. Ride perchè stai diventando uno dei suoi discepoli e il mondo , si sa, non è poi cosi grande come si pensa.

Guardo i suoi occhi che ridono, striati da fulmini gialli. Lo guardo e sento qualcosa di diverso. Non percepisco piu’ la sua chiamata, quasi non fosse piu’ presente. Porka di quella Eva, sto vincendo! E’ proprio così, lo capisco bene adesso. I suoi occhi hanno smesso di “lampare”, il suo sguardo si fa cupo ….mi sembra di scorgere debolezza. Che bellissima emozione, sto vincendo. AKR si agita, si trasforma in quelle molteplici cose, quelle molteplici facce che solo lui sa fare. Si contorce come colpito da una granata caricata a chiodi. Cerca mellifuamente la tua compassione mostrando la sua finta sofferenza. E’ l’ultimo colpo di coda.

Adesso è lui che vuole sfasciare tutto. Ognuno sfascia il mondo a cui appartiene. Maledetto Bastardo distruggi tutto di Te

#Salvia ambientata

FBA443E9-BAD0-4429-BDE7-42A38011A0DA

Accadde che, finita una esposizione e durante il disallestimento, notai con un po’ di disappunto, ai margini di uno stand, un lembo di prato inglese . Evidentemente da un po’ non riceveva una goccia d acqua, infatti, il suo stato la diceva tutta sulla imminente tragica fine.

Buttato tra bottiglie di prosecco vuote e resti di tramezzini semi morsicati, aveva terminato il suo compito di abbellire un tecnologico stand, creando un contrasto tra la plastica e l’ alluminio delle strutture con lo scopo di assicurare una certa parvenza di “ambiente naturale”, irriverente parto di un designer di interni

Gia’ non sopporto l idea di questi lembi di prato e il loro ridicolo substrato, così come non sopporto gli abeti dentro i vasetti di natale: una vera condanna a morte. Così, mentre ero intento allo sgombero e pulizia dello spazio espositivo, fulgida e fulminea, un idea mi arpionò,peggio della fiocina di Capitano Hachab.

Primo, bisognava ridare vita. Secondo, perché non assolutamente dignitosa?

Potevo donare il lembo a qualche amico con giardino, poi pensai : si ma dopo,questo qui, continua a tagliarlo a 30mm appena accenna a crescere e magari ci fa cadere sopra colate di grasso da qualche stupido barbecue e magari liquido organico di varia natura.

No! Me lo porto sul mio balcone , lo ripianto in un buon terriccio e lo faccio vivere e crescere quanto cazzo gli pare. Magari ci metto assieme una buona compagnia così se la raccontano anche in santa pace.

Detto fatto.

Scelsi una umile piantina di salvia e li sistemai sul mio balcone.

Eccoli qui, ora , dopo un annetto circa, svernati al freddo e al gelo, risplendere di una bellezza assoluta, naturale ed effervescente come la natura tutta dovrebbe essere.

Ogni tanto, spesso, lo guardo e penso alla orribile fine che avrebbe fatto, giallo e rinsecchito in un compattatore e poi incenerito. Sarò stupido, ma li accarezzo pure e ,non ci crederete, ma quei sinuosi fili d erba e la profumatissima salvia , mi illuminano l animo regalandomi un senso di pace e di star bene.

Il che mi basta e avanza di un bel po’.

Ho regalato loro  il nome di Salvia Ambientata.

 

 

 

 

due perle di Lev Tolstoj

D2F48252-2E32-4064-8501-C7A2D3668E49

Non Uccidere” non si applica all’omicidio di una sola specie, bensì a tutti gli esseri viventi e questo comandamento fu scritto nel cuore dell’uomo molto prima di essere proclamato sul Sinai.

 

 

Lev Tolstoj ha scritto immensi pensieri e narrato enormi storie, io raccolgo due piccole perle che descrivono una parte del suo animo, il quale,in questo caso, somiglia tremendamente al mio.

lettera alla cognata “ il mangiar carne”

Elena Andreevna,
la vostra indignazione all’idea degli animali torturati e uccisi per soddisfare l’avidità umana non è sentimentalismo bensì un sentimento fra i più leciti e naturali.
Ma non bisogna indignarsi al punto di odiare gli uomini per pietà verso gli animali, come dite voi; bisogna invece agire in conformità di ciò a cui vi spinge questo sentimento, e cioè non mangiare carne di qualsiasi essere a cui sia stata tolta la vita.
Sono convinto che nel prossimo secolo la gente racconterà con orrore e ascolterà con dubbio come i loro antenati ammazzavano gli animali per mangiarli.
Il vegetarianismo si diffonde molto rapidamente: a Londra, dove vent’anni fa non si poteva trovare cibo vegetariano, esistono già ristoranti vegetariani.
So, da intimi amici, che più di trenta persone hanno smesso di consumare la carne durante questi ultimi anni.
Vi avverto, tuttavia, che se smetterete di mangiar carne, incontrerete una fortissima resistenza, anzi un’irritazione, da parte dei vostri familiari, e vi verrà dimostrato con la scienza che la carne è indispensabile all’uomo e che vi danneggiate e vi create difficoltà domestiche.
Tutti noi abbiamo subìto tutto ciò, ma se non si agisce con convinzione, tutte le dimostrazioni rimarranno senza effetto, come rimarrebbero senza effetto le dimostrazioni che per mantenere la salute bisogna mangiare gli uomini.
Forse vi domanderete, oppure vi verrà detto: «Se non bisogna uccidere i polli e i montoni, perché allora sterminare i topi, gli scarafaggi eccetera?»
A ciò rispondo sempre che la compassione per gli animali è la più preziosa qualità dell’uomo e io (come uomo), sono tanto più felice quanto più la sviluppo in me. Sono contento di aver cominciato a compatire i polli, o montoni, i conigli, e né li mangio né li desidero, sono contento di compatire i topi, e li lascio scappare, invece di ammazzarli, e sarò contento quando compatirò le zanzare e le pulci.
I vegetariani dimostrano la superiorità del cibo senza carne per la salute (procuratevi i libri su questo —c’è quello di Bojdanov — e leggeteli); ma l’argomento principale e inoppugnabile è quello addotto da voi, il sentimento morale.
Vi auguro una lieta soluzione del problema che vi tormenta.

lettera “contro la caccia”

La caccia non è che un atto inumano e sanguinario, degno solamente di selvaggi e di uomini che conducono una vita senza coscienza, che non si armonizza con la civiltà e col grado di sviluppo a cui noi ci crediamo arrivati.
La caccia non è una forma naturale della lotta per l’esistenza, ma un ritorno volontario allo stato selvaggio.
La caccia era una occupazione naturale per l’uomo primitivo, mentre questa occupazione nell’uomo moderno civilizzato non fa che esercitare e sviluppare in lui istinti bestiali, che la coscienza riprova, e che teoricamente la nostra civiltà vorrebbe aboliti.
È poco probabile che fra i cacciatori se ne trovi uno che non provi, almeno per una volta, un principio di pietà per una delle sue vittime, ma che pure ogni volta non cerchi di respingere un tal sentimento considerandolo come una debolezza. Ed è così che è schiacciato il bocciolo appena schiuso della pietà, da cui potrebbe germogliare e fiorire quel sentimento più elevato e più perfetto, che è l’amore. In questo costante suicidio morale è il male supremo della caccia.
Noi siamo fieri del progredire della nostra civiltà, esaminiamo con soddisfazione ciò che consideriamo come suoi successi in tutte le branche della vita sociale, ma osserviamo pure che la nostra esistenza è spesso fondata sui principi più ingiusti e crudeli, e che l’umanità dell’avvenire ne parlerà con la stessa ripugnanza che noi proviamo oggi per la schiavitù e la tortura, come errori di altri tempi, che la civiltà ha abolito.
La pietà è una delle più preziose facoltà dell’anima umana. L’uomo, impietosendosi delle sofferenze di un essere vivente, dimentica se stesso e si immedesima nella situazione degli sventurati. Con questo sentimento si sottrae al suo isolamento ed acquista la possibilità di congiungere la sua esistenza a quella degli altri esseri.
La pietà, mentre addolcisce le sofferenze degli altri, è giovevole ancor più a colui il quale la prova.

 

Lev Tolstoj 1895

 

 

È un cucciolo, cazzo!

9DACEA70-8DAF-46D5-85F0-1D7450D8410C

22 giorni di vita sono maledettamente pochi per morire.

Un agnellino,un capretto appena sbocciati a vita sono una pirotecnica esplosione di euforia. Saltano,rimbalzano, veleggiano sui fili della prima verde erba primaverile. Ogni momento che perdono la visuale della propria mamma incominciano un angosciante concerto di richiami.

Ecco!  È arrivato il pastore amico e giocherellone. Sembrava cosi, ma oggi ha una faccia scura e arrabbiata perché noi vogliamo giocare a farsi rincorrere come sempre, ma lui, stranamente, vuole prenderci in fretta.

C’è qualcosa che non va, oggi, si vede benissimo anche dalla strana agitazione delle mamme. I loro richiami sono più acuti e penetranti e ci spaventano un bel pò. 

Ci stringe le zampe forte da farci male e ci tiene  a testa in giù, vediamo i suoi stivali sporchi di fango muoversi veloce. Abbiamo tantissima paura.

2AD8C882-C071-4F3A-93AC-E7590A920DEB

Non gioca più a metterci in spalluccia,non ci fa accarezzare più dai suo figlioletti o da qualche turista capitato li. Siamo tanti su questo camion sporco e mezzo chiuso,siamo decine e tutti urliamo alla follia. Lo sappiamo benissimo che nostra madre ci sentirà  e ,come sempre, arriverà a cavarci dai guai.

Urliamo ancora più forte, forse non ci sente, forse è il rumore di ferraglia del motore che copre tutto.

Abbiamo sete,abbiamo fame e questo mostro meccanico continua a correre nella notte buia senza fermarsi neppure un po’.Urliamo ancora più forte é l’unica  cosa che riusciamo a fare.

Perchè non arriva la mamma?

Finalmente si è fermato vicino ad altri camion. Tanti fratellini in più che urlano disperati a squarciagola. Una pausa, forse ci faranno correre in un prato, forse ci saranno le nostre mamme a coccolarci.

Abbiamo sete!! Abbiamo fame!! Mammmaaa!

Si aprono quelle porte un po’ arrugginite e bruttissime persone con vestiti macchiati di sangue ci buttano giù a forza. Spinte,calci e anche bastonate.

Cosa abbiamo fatto? Abbiamo solo 22 giorni di vita, non possiamo avere fatto niente di male.

74BBB1DA-5471-4BBC-8B42-0EABD75C89E0

Continuano, con una cattiveria indicibile ci spingono tutti in fila verso una porta.Da li in poi è pure terrore. Urla ,sangue, e fratellini agganciati a testa in giù, immobili. Osserviamo impietriti, non riusciamo nemmeno più piangere.

A825F976-E586-4B38-97BE-437A7F43A4BC

È quasi impensabile non provare un senso di orrore,angoscia, davanti a questo ignobile massacro che ricorre metododicamente ogni anno. Con la stupida convinzione e assoluzione  della tradizione cristiana o altro, ci si appresta ad uccidere e divorare allegramente cuccioli appena nati.

Non sono convinto che un Dio qualsiasi possa concepire la morte di un essere vivente, in tal numero poi.

Non sono convinto che ci si possa nascondere dietro questo o qualsiasi alibi giustificatorio, pur di affondare i denti in un cucciolo di 22 giorni.

Ma è davvero così gratificante e indispensabile? Frotte di nutrizionisti ,chef, dottori, spergiuarano di sì. Per me, in fondo, sanno di mentire. Come diavolo si può considerare indispensabile la morte di un cucciolo?

Chi maltratta, sevizia, uccide gli animali ,prima o poi farà lo stesso con gli uomini.

Molto vero. Sarà un concetto estremista, ma io non trovo, nella metodologia e persecuzione, una gran differenza tra questi massacri e quelli tristemente famosi del nazismo.

Vedere nei negozi pezzi di cuccioli morti incelofanati e quel terribile sticker giallo “offerta”, mi crea  conati di vomito, misti a rabbia. Vedere persone ridere e scherzare mentre succhiano minuscole costicine ,altrettanto. Non ce la faccio davvero, mi si visualizza sempre nella mente un cucciolo giocoso tra l’erba di un pascolo e penso a che atroce e imperdonabile atto sia stato commesso.

Da un po’ cerco di evitare gli scontri verbali, le ritrite considerazioni dei carnivori o onnivori o le loro stupide battute. Possono dire quello che vogliono e farsi autenticare le convinzioni da mille dottori,mille giornali o dietologi alla bisogna, ma il concetto, per me ,è solo uno:

Io non voglio pensare di star bene, uccidendo e mangiando un animale, io voglio star bene con la mia coscienza , il mio animo e lo star bene,per me, è rispettare la vita ,qualsiasi essa sia.

Ci sono un infinità di alimenti alternativi che garantiscono lo stesso apporto di proteine ,vitamine e quant altro,anche se molti pensano o vogliono pensare di no. Ma non è ancora questa la reale giustificazione. Non c’è MAI giustificazione nello spegnere la vita di un essere senziente, qualsiasi esso sia.

Chi vuole convincervi a tutti i costi del contrario, è un terribile egoista che pone il proprio benessere sopra quello degli altri e possiede uno spessore sentimentale prossimo allo zero. Nemmeno io voglio convincervi del contrario, probabilmente o  forse, la vostra coscienza lo farà, sempre che riesca a determinare con fermezza il confine tra vita e morte. Senza quello non si è nemmeno homo sapiens ma solo homo.

Queste non sono proprie le persone con le quali dividerei la mia vita e ,tantomeno, che consiglierei ad altri.

6AD357D9-612E-47ED-AB9A-538285E3FAC0

a me piace immaginarli e vederli così. tutti i cuccioli del mondo.

si sente spesso affermare che essere vegetariani o vegani è mancanza di intelligenza.

ecco una lista di persone poco intelligenti e i loro stupidi pensieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: